La prima doc bio d’Europa. “Il futuro dell’agricoltura”.

15 Gennaio 2019
|
BIOLOGICO

A Vicenza sta per nascere il primo vino Doc Bio d’Europa.

Il progetto dell’azienda vinicola Masari di Maglio di Sopra, che nelle Prealpi vicentine, nella Valle d’Agno, ha promosso la ricerca di vecchi vigneti e le varietà locali e ‘creare vini d’eccellenza che fossero l’espressione più autentica del loro territorio di origine sta diventando il primo vino Doc Bio d’Europa. Le viti sono coltivate su terrazzamenti sostenuti da antichi muri a secco testimoni di un’antica tradizione agricola, sulle due sponde dell’Agno, una calcarea e l’altra vulcanica.

La grande presenza di boschi e prati, di insetti predatori e impollinatori, di microrganismi indigeni che vivono in simbiosi con le piante, costituiscono elementi altamente qualificanti in termini di qualità della vita del vigneto che si traduce in qualità del vino prodotto.

I vitigni della zona sono due bianchi (Riseling Renano e una varietà autoctona, Durella) e due rossi (Pinot Nero e Merlot) sono coltivati lungo le due sponde, una calcarea e l’altra vulcanica.

L’esperienza dell’azienda ha il supporto della Regione Veneto. “Il progetto di questi due giovani – è il commento del presidente del Veneto Luca Zaia – si proietta in quello che dovrà essere il futuro dell’agricoltura”.

Tags: , , , , ,
Banner Content
Credits: Agostini Lab Srl