Ifoam Europa, eletto il nuovo board

21 Maggio 2018
|
BIOLOGICO

l nuovo presidente è Jan Plagge  di Bioland.La nona Assemblea Generale di Ifoam Europa ha eletto un nuovo Consiglio e un nuovo presidente, Jan Plagge. Già presidente di Bioland e.V. e una lunga esperienza nello sviluppo del settore biologico. “Con il suo rapido sviluppo, l’agricoltura biologica è già una storia di successo e ha il potenziale per trasformare l’agricoltura europea. E’ il percorso con i migliori risultati, nella protezione della biodiversità, delle risorse idriche o il benessere degli animali. Questo dovrebbe premiare gli agricoltori bio. Con il giusto modello di politica agricola comune (PAC) e sostegno finanziario sufficiente, il settore dell’agricoltura biologica potrebbe rappresentare almeno un quarto dell’area agricola UE entro il 2030. ”

La nuova Pac deve premiare gli agricoltori che producono benessere per l’intera società, ha spiegato invece la neo vice presidente, Marian Blom, usando quelle risorse che oggi sono invece destinate a sopperire ai mancati ricavi in agricoltura.
“L’intera architettura della PAC deve premiare le prestazioni ambientali e non solo singole pratiche. Il primo pilastro dovrebbe fornire dati sull’ambiente e regole obbligatorie per gli Stati membri, ma per gli agricoltori volontarie, incoraggiandoli così a pratiche più sostenibili come l’agricoltura biologica “. 

Nel board eletto, i vicepresidenti del consiglio di amministrazione sono Marian Blom (Bionext) e Jiří Lehejček, della piattaforma tecnologica ceca per l’agricoltura biologica.

 

I rappresentanti del settore sono Thomas Fertl (BioAustria) per l’agricoltura, l’italiano Roberto Pinton di Assobio per la trasformazione e il commercio, Michel Reynaud (Ecocert) per la certificazione. Gli altri membri del Consiglio eletti sono Sylvie Dulong, AGROBIO Gironde, Kristin Karlsson (Organic Sweden) e Virginija Lukšienė (EKOAGROS PI).

Tags: ,
Banner Content
Credits: Agostini Lab Srl