I pesticidi, i fiori e i bambini

28 Maggio 2019
|
MERCATO

L’esposizione ai pesticidi floreali può aumentare la pressione sanguigna nei bambini e il rischio di ipertensione. Lo studio.

I ricercatori della University of California di San Diego negli Usa hanno scoperto un legame tra l’aumento della pressione arteriosa e l’esposizione ai pesticidi nei bambini, in particolare nei periodi di trattamento. La ricerca pubblicata sulla rivista Environmental Research, si è concentrata su un campione di 313 ragazzi e ragazze, di età compresa tra quattro e nove anni, residenti in un’area a forte produzione floricola in Ecuador, uno dei più grandi paesi coltivatori di fiori commerciali del mondo, con esportazioni di rose. Con un impennata produttiva nel periodo precedente la Festa della Mamma e poichè questa particolare produzione richiede un uso massiccio di insetticidi, fungicidi e altri disinfestazioni, i bambini sono stati esaminati nel periodo in un arco di tempo di 100 giorni dalla ricorrenza.

Questo è il primo studio che evidenzia come durante la stagione dei trattamenti aumenti il rischio di  ipertensione nei bambini“, ha commentato Jose R Suarez dell’Università di San Diego.

Coltivazione di rose in Ecuador

“Abbiamo osservato come i bambini esaminati prima della raccolta della Festa della mamma avessero una maggiori esposizione ai pesticidi e una maggiore pressione sanguigna sistolica e diastolica rispetto ai bambini esaminati in altri periodi”, il prof.Suarez.

La ricerca sugli effetti dei pesticidi sul sistema cardiovascolare è limitata, ma secondo i ricercatori ci sarebbero alcune prove che dimostrano che gli insetticidi, organofosfati, possono aumentare la pressione sanguigna. L’organofostato viene comunemente usato per trattare i fiori contro i parassiti prima dell’esportazione. In uno studio precedente, i ricercatori avevano verificato come i bambini esaminati prima del raccolto mostrassero prestazioni inferiori nei test di attenzione, autocontrollo, elaborazione visuospaziale e sensomotorio rispetto ai bambini esaminati più tardi.

“Queste nuove scoperte si basano su un numero crescente di studi che descrivono che le stagioni dei trattamenti possono influenzare lo sviluppo di bambini che vivono vicino alle coltivazioni”, ha aggiunto il prof. Suarez. Per questo è importante “ridurre le esposizioni ai pesticidi dei bambini e delle famiglie che vivono vicino all’agricoltura“.

Tags: , , , , ,
Banner Content
Credits: Agostini Lab Srl